Love your skin

Love your skin
15 gen 2021

ACNE NO! Tutto quello che devi sapere per liberarti dell’acne.

È una delle principali croci degli adolescenti ma non solo, perché può manifestarsi anche in tarda età. L’acne non è solo un inestetismo ma anche un problema psicologico e sociale.

Secondo uno studio del British Journal of Dermatology, circa i due terzi delle persone affette da acne tende ad isolarsi ed è più esposto alla depressione.

Cos’è l’acne?

L’acne è una malattia della pelle ad evoluzione benigna, caratterizzata da un processo infiammatorio del follicolo pilifero e della ghiandola sebacea annessa, chiamata comunemente “brufolo” o “foruncolo”.

Perché accade?

In condizioni normali le ghiandole sebacee producono il sebo, che ha funzione di mantenere la pelle morbida e difenderla dagli agenti esterni. Se per qualche motivo il canale di deflusso del serbo viene costruito, si innesca un'infiammazione che dà origine a punto nero e poi al brufolo.

Cosa favorisce l'ostruzione del canale sebaceo?

  • 1. Fattori ormonali, che causano ispessimento cutaneo ed aumentano la produzione

  • di sebo.

  • 2. Pulizia del viso insufficiente.

  • 3. Abitudini alimentari.

  • 4. Stress intenso.

Come si cura

Fortunatamente curare l’acne o tenerla a bada è possibile, ma occorre un approccio globale, che non trascuri nessuno dei seguenti fattori:

1. DETERSIONE E IDRATAZIONE

Per ridurre il rischio di ostruzione del condotto sebaceo la pelle va tenuta sempre pulita e idratata.

Occorre usare un detergente specifico, che deterga a fondo senza alterare eccessivamente il film idrolipidico.

Attenzione: dopo la detersione è fondamentale idratare la pelle, utilizzando una crema non occlusiva. La disidratazione causa infatti un “effetto rebound”, che intensifica la produzione di sebo e peggiora l’acne.

Prodotti consigliati: Cleansing Gel, Daily Moisturizer

2. ESFOLIAZIONE

Tenere la pelle sottile, eliminando lo strato superficiale di cellule morte, vuol dire ridurre le probabilità che i canaletti sebacei si ostruiscano. Esfoliare la pelle regolarmente è un’abitudine che fa la differenza in caso di acne.

Prodotto consigliato: Always Peeling.

3. SIERO ANTIOSSIDANTE

Un giusto mix di antiossidanti previene l’ossidazione del sebo e contrasta l’inspessimento cutaneo.

Inoltre antiossidanti come l’Acido Ferulico e l’Acido Fitico posseggono una dimostrata azione sebo-regolatrice e anti-acne.

Prodotti consigliati: AOX Start, AOX Advanced.

4. ABITUDINI ALIMENTARI

Fino a qualche anno fa non esisteva nessuna certezza scientifica relativa alla correlazione tra acne e dieta. Recentemente è stato provato che evitare o limitare il consumo di lattelatticini zuccheri raffinati ne riduce l’incidenza. Anche aumentare l’assunzione di cibi ricchi di antiossidanti o apportarli con un integratore può aiutare.

5. SOLE

Quando ci si espone al sole va applicata sempre una protezione solare. Nelle prime 24/48 ore all'azione battericida dei raggi solari sembra curare “miracolosamente” l'acne, o “asciugarla” come spesso si sente dire. Tuttavia dopo 7-10 giorni i brufoli tornano più numerosi di prima, perché il sole provoca ispessimento cutaneo.

Prodotto consigliato: Ultimate Sunscreen SPF 30/50+.

Gli antibiotici sono utili per combattere l’acne?

In passato la terapia per curare l’acne era spesso incentrata sull’uso di antibiotici, perché si riteneva che i batteri della pelle causassero l’acne, ma si è poi scoperto che sono solo una conseguenza. Non esiste dunque alcuna necessità assumere antibiotici per via orale per il trattamento dell’acneanzi è sconsigliato dato che l’antibiotico può indurre resistenza batterica.

Products related to this post